SCEGLIERE UN PERSONAL TRAINER CHE FACCIA DA MENTAL COACH

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

E rieccoci a parlare di nuovo di una figura importantissima nel mondo del fitness:il personal trainer. La scorsa volta abbiamo parlato dell’importanza di avere un Personal trainer e possiamo dire che questo articolo è un po’ la continuazione di ciò che si è detto! 

Ribadiamo il concetto che avere al proprio fianco questa figura sia FONDAMENTALE  per il benessere psico-fisico di ciascuno di noi.

Tutti sanno già chi è il Personal Trainer e quale sia il suo ruolo ! Esatto,è lo stronzo che ti urla addosso, quando sei disteso per terra a due passi dalla morte, alza quel culo da terra e fai le ultime 7 mila flessioni ! SCHERZIAMO OVVIAMENTE ! 

Ritornando a noi ,cosa vuol dire esattamente fare mental coaching ?

Per definizione il mental coaching è un metodo “di allenamento mentale” indirizzato al miglioramento delle performance e al raggiungimento di obiettivi personali, in questo caso sportivi, attraverso la scoperta e lo sviluppo delle potenzialità individuali .

 Quindi tra atleta e personal trainer deve costruirsi fin dall’inizio un rapporto profondo e speciale ; atleta e coach devono entrare in simbiosi e, come si dice, devono viaggiare sulla stessa lunghezza d’onda affinché si vada incontro a risultati sempre migliori.

 L’atleta deve essere sincero ed esporre i propri obiettivi in maniera chiara ed  aggiungere 

costanza ,impegno , sacrificio ed entusiasmo. E l’entusiasmo non deve mai mancare ,perchè niente di grande fu mai compiuto senza entusiasmo. 

Cosa deve offrire il personal ? L’ASCOLTO! E di proposito non abbiamo scritto la Motivazione ,perchè spesso questa parola  viene sopravvalutata così tanto, da farla divenire banale  e soprattutto parlando di mental coaching tutti si aspettano che  si nomini la famosissima MOTIVAZIONE. 

Il coach deve  essere in grado di stimolare nell’atleta un nuovo bisogno, quello che solo l’allenamento e le sue endorfine possono dare  e per fare ciò, l’approccio migliore  è ovviamente l’ascolto altrimenti ,anche la persona più motivata , disciplinata  e volenterosa al mondo, se non viene stimolata nelle giuste corde si arrenderà e mollerà il suo percorso .

 In conclusione, trovate una persona in grado di stimolarvi  e trasmettervi la consapevolezza  che la scheda di allenamento non è soltanto una griglia che contiene serie e ripetizioni ,ma un vero e proprio percorso a 360 gradi.